La prima domanda di fronte ai bambini è stata: “Come ci poniamo noi, perchè il bambino incontri una comunità educativa che lo aiuti a crescere?”.
Per questo il nostro metodo parte dall'esperienza, che non può essere insegnata, ma deve essere vissuta. 

L'incontro con la realtà non può essere la semplice trasmissione di un contenuto ma, nel rapporto insegnante-bambino, occorre che l'insegnante comunichi il proprio desiderio di incontrare fino in fondo tutto ciò che c'è è che accade.
In questo modo il percorso si costruisce cammin facendo. Infatti, a ogni passo di questo cammino il bambino risponde in modo meravigliosamente imprevedibile e questo genera il passo successivo.